Facebook +39 045_6081511   
itaende


Oltre un secolo di storia!

Costruita nel 1904 nel cantiere Baccigalupo di Genova. Lunga 26 mt, in origine equipaggiata con motore a vapore alternativo, potenza 200 Cv. Nei primi anni di vita in cui la strada litoranea non esiste, la NAVE MINCIO rappresenta un mezzo indispensabile per il trasporto di merci sul lago di Garda. Requisita nel 1915 dalla Regia Marina, armata con tre cannoni navali da 57 mm e quattro mitragliatrici Fiat 14.

L'equipaggio a bordo, formato da personale civile, è militarizzato e posto sotto il comando degli ufficiali della Marina. La base principale si colloca a Peschiera del Garda, la base avanzata a Malcesine, nella Baia di Sogno, nei pressi del confine Italo – Austro/Ungarico. Durante la Prima Guerra Mondiale il Piroscafo Mincio presta servizio per il pattugliamento del confine, i suoi cannoni sono utilizzati per sparare sulle falde del Monte Altissimo.

Al termine della Prima Guerra Mondiale entra a far parte della Flotta di Navigazione Alta Italia, rimorchiando le chiatte che trasportano le merci in partenza dai porti principali di Peschiera del Garda e Desenzano, punti nevralgici di collegamento ferroviario.

Negli anni '30 è usata per rimorchiare al largo gli idrovolanti appartenenti al Reparto Alta Velocità di Desenzano che partecipano con i loro assi del volo alla famosa Coppa Schneider.

La nave Mincio con le opportune modifiche, è impiegata dai sommozzatori per il recupero dell'idrovolante e del corpo del pilota Tommaso Dal Molin, inabissatosi durante un tentativo di record di velocità nel 1933.

Durante la Seconda Guerra Mondiale si distingue nel soccorso e rimorchio del Piroscafo Zanardelli, mitragliato dagli alleati a Campione e rimasto senza Comandante e Pilota, morti in quell'occasione.

L'8 Settembre 1943 è stata autoaffondata nel porto di Riva del Garda dal suo equipaggio per salvarlo dal minamento già deciso dai tedeschi; a seguito dell'azione intrapresa la nave è stata facilmente recuperata intatta e usata nelle operazioni di recupero del Piroscafo Italia affondato a Sirmione dagli alleati.

Dal 1955 al 1960 è stata utilizzata nel mondo del cinema negli stabilimenti "Bertolazzi film" di Peschiera del Garda, per trainare i galeoni durante la realizzazione di vari film dei pirati, che non venivano realizzati al Mar dei Caraibi, bensì al Lago di Garda, per contenere i costi di produzione.

Nel 1960 è stata ceduta dalla Società di Navigazione del Garda al Gruppo Volontari dei vigili del Fuoco di Riva, che la utilizzano come base di appoggio per la scuola Sub dei Vigili del Fuoco.

Negli anni '70 la NAVE MINCIO è ceduta a privati che ne modificano la struttura creando il ponte terrazza.

Dal 1990 la NAVE MINCIO è di proprietà della ditta SILMEC di Sona che provvede a eseguire l'accurato restauro di questo storico battello lacustre. Lo mette oggi a disposizione di tutti per continuare a raccontarne la sua storia.

Foto storica della Nave Mincio

Reparto Alta Velocità di Desenzano che partecipò alla Coppa Schneider

Operazioni di recupero del Piroscafo Italia

Particolare dell'armamento - I Guerra Mondiale

Sansone contro i Pirati

Silmec S.r.l. - Via Fusara 3/B – 37060 Sona (VR) - P.IVA 00795580232 – Tel. +39 045_6081511 - fax +39 045 6081498                  Valid xHtml - Credits